Messina

Il Campanile di Messina

di Cristina Leone

Non tutti sanno che il campanile della cattedrale di Messina ospita uno degli orologi astronomici e meccanici più grandi al mondo.

Ogni giorno a Mezzogiorno la piazza della Cattedrale di Messina si riempie di gente che, incuriosita, guarda in su verso il campanile.

Ma cosa succede?  Cosa avranno da guardare?

Innanzitutto, le due eroine di Messina, Dina e Clarenza, suonano i dodici rintocchi e da quel momento quasi tutte le statue si muovono e saranno alla fine accompagnate dall’Ave Maria di Schubert.

Il leone ruggisce, il gallo canta, le scene del periodo liturgico del momento si muovono e, per finire, ecco che viene rappresentata la tradizione della patrona della città: la Madonna della Lettera. E non è tutto…

Questo spettacolo si ripete ogni giorno a Mezzogiorno e dura dieci minuti. Esso racchiude la storia religiosa e civile della città di Messina, grazie alle sue circa 55 statue e numerosi meccanismi.

Le scene della vita del campanile di Messina

Fra le varie scene, quella che si muove ogni quarto d’ora e probabilmente quella che suscita più curiosità, è quella del carosello delle età. Vi sono 4 statue, a grandezza naturale, che ritraggono le fasi della vita:

  • Un bambino, l’infanzia;
  • Un giovane, la giovinezza;
  • Un soldato, la maturità;
  • Un vecchio, la vecchiaia.

Al centro vi è uno scheletro, la morte che scandisce il passare delle ore della nostra vita.

Messina campanile

Perché il campanile di Messina custodisce questo apparato tanto complicato?

Si dice che Monsignor Angelo Paino, fosse venuto a conoscenza dell’esistenza dell’orologio della Cattedrale di Strasburgo in Francia. Tramite un suo collaboratore, chiese alla ditta Ungerer di riprodurre un apparato simile nella torre del Campanile di Messina, alta 60 metri.

I fratelli Ungerer lavorarono dal 1930 al 1933 alla creazione di questo congegno meccanico e astronomico. Il risultato è oggi davanti ai nostri occhi e attira ogni giorno centinaia di persone che allo scoccare del mezzogiorno, alzano la testa e non staccano lo sguardo dalla torre dell’orologio.

Ma perché il leone? E la parte astronomica dove si trova?

Venite a Messina e una guida abilitata vi svelerà ogni segreto di questo fantastico orologio.

Cristina Leone

Sono guida turistica abilitata della Sicilia da vent’anni. Abito nel nord-est dell’isola e ho la fortuna di poter accompagnare i viaggiatori alla scoperta di magnifici siti come le Isole Eolie, Messina, Taormina, Etna e molti altri. Amo condividere le bellezze…
Contattami
Nascondi commenti ▾ Mostra commenti ▾