Venezia

Sulle tracce dei mercanti a Venezia

Barbara Castiglioni
di Barbara Castiglioni

Venezia, città di spezie e di profumi.

A spasso con John Ruskin per  Rialto

Forse non tutti sanno che John Ruskin, artista e importante critico d’arte del 1800,  ha dedicato uno dei suoi tanti scritti  su Venezia alla Chiesetta e al campo di San Giacomo, che è che il centro di Rialto, e questa lettura mi dà l’occasione di ‘condurvi’ in un posto che amo, la prima Venezia!

Venezia,  infatti,  nacque qui! 

Rialto, Rivoaltus o Rialtum, significa canale profondo, e altro non è che il nostro Canal Grande; e il gruppo di isole, che gli fanno da sponda, prende il nome da esso.

Da qui iniziò tutto, quando nel IX secolo la sede del governo vi venne trasferita da Malamocco, borgo sull’isola del Lido. Queste isole interne, infatti, al riparo dalle mareggiate e dalle invasioni barbariche, erano anche  più facilmente raggiungibili dalla terraferma.

venezia italyproguide

Questo spiega perché, nel corso dei secoli, l’area realtina è diventata  il cuore della vita commerciale della Serenissima,  ed  era  meta dei mercanti provenienti dall’Europa e dall’Oriente. Se vi soffermate a leggere i ‘nizioleti’, i nostri cartelli stradali dipinti sugli edifici, vi ritroverete tutto ad un tratto in un luogo immaginario popolato da mercanti di ogni tipo, che si servivano del Bancogiro per concludere le loro transazioni! 

La Ruga dei Spezieri ad esempio, che si trova  tra la Ruga Vecchia San Giovanni e il Campo delle Beccarie,  deve il suo nome alle numerose botteghe e laboratori, dove gli “Spezieri da grosso” confezionavano  i famosi “sacchetti veneziani”,  che contenevano miscugli di aromi fra i quali pepe, zenzero, zafferano, cannella, noce moscata, chiodi di garofano e coriandolo.

E proprio nell’Insula di Rialto venivano caricate e scaricate queste preziose e costosissime spezie, provenienti dall’Oriente e dall’Africa attraverso le mude (antiche rotte navali). Nella ‘sezione dedicata al profumo’ al Museo di Palazzo Mocenigo, per ogni muda è possibile annusare il profumo delle spezie che venivano trasportate! 

venezia italyproguide

Nell’Europa medievale le spezie orientali venivano impiegate nell’uso culinario (mascheravano l’odore e il sapore della carne, a volte mal conservata), e servivano a curare moltissime malattie. Si pensava, infatti, che le sostanze profumate proteggessero dalla peste, tanto è vero che le persone cercavano di difendersi dal contagio indossando guanti profumati, o appendendo al collo un sacchettino di piante aromatiche. Per lo stesso motivo il medico della Peste indossava una maschera con un lungo naso a punta, riempita di erbe e essenze aromatiche! 

Venite dunque a Rialto, a passeggiare per l’Erbaria, e dietro di voi scoprirete  il Fontego dei Tedeschi,  la casa magazzino del XIII secolo dei mercanti provenienti dal Nord Europa! Ben volentieri vi porterò a visitarlo, sia perché all’interno conserva la  sua struttura originaria, e sia perché dalla sua terrazza sul tetto si gode una splendida vista sul Canal Grande!

 

 

Risorse:

https://live.comune.venezia.it/it/2018/09/spezieri

https://mocenigo.visitmuve.it/

Guida turistica di Venezia – Barbara Castiglioni

Barbara Castiglioni

Guida turistica abilitata, sono nata a Venezia e vivo qui da sempre. Sono una grande amante dell’Arte, della Pittura e della Venezia di tutti i giorni. Dopo la maturità linguistica mi sono laureata in Filosofia, e i miei studi mi…
Contattami
Nascondi commenti ▾ Mostra commenti ▾